Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Etica

L’Etica della Madre ci è ignota. E la ignoriamo. E’ inscritta nelle liquide vie che percorrono l’intrico pulsante della magica sfera. Innamorate masse danzanti e crestate la vestono, ricoprendo pudiche il fragile vello. La canta la sua Prole, inascoltata. L’etica umana, per contro, è racchiusa in una angusta, opprimente cella, impedita la sua emanazione, soffocata nella speculatività  più assillante, ossessiva.  Corrotto il suo itinerario, languendo, si spegne prima di essere concepita, prima che lo pneuma si faccia materia, spettro colmo di malinconia. Ecco la ragione per cui non sappiamo: cosa sentire, cosa pensare, come reagire, decidere, agire. Annaspiamo nell’incoerente inconsapevolezza del nostro esistere, incarnando modelli, indossando maschere, replicando ruoli. Obbedendo a dogmi. Etica resta una parola abusata, svuotata, mortificata. L’irraggiungibile pietra filosofale.



Etica diTiziana Antico è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso mo…

Ultimi post

La danza della Luna

Sulla soglia

Troglodita

Bellezza e Verità

La questione morale (vexata quaestio)

Empatia e sua dissoluzione

Forma umana

Risposta a “Preghiera ad un Maiale”